Go To Top
cittadella italia-stemma mini Comune di Cittadella
Assessorato all'Associazionismo

Associazioni
Cittadella

logo coordinamento assoc.volontariato mini
Febbraio 2020
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29

Cerca

AGESCI mini AGESCI - Gruppo Scout
Cittadella 4
Educazione e formazione

Sezione n. 2 Educazione

citt4La nascita del Gruppo Scout Cittadella 4 avviene per merito dello sdoppiamento del Gruppo già esistente Cittadella 2. Nel 1988 la questione di un numero troppo elevato di censiti, circa 200, appartenenti ad un unico Gruppo era già stata affrontata in Comunità Capi, ma i stretti rapporti di amicizia e l’affiatamento degli staff, avevano rimandato la difficile decisione all’anno successivo. Nel 1989 si ripropone il progetto dando così via al Gruppo Cittadella 4. Domenica 5 novembre nella sede di Via Wiell ha luogo la cerimonia di apertura del nuovo Gruppo, alla presenza del Responsabile di Zona Alessandro Frigo e numerose autorità civili e religiose.


Una volta che la scelta di costituire il Cittadella 4 venne presa e votata dalla Comunità Capi del Cittadella 2, il nuovo Gruppo iniziò il cammino di pianificazione di tutto ciò che sarebbe servito per dare solide fondamenta al Gruppo, ponendo al centro di ogni ragionamento soprattutto un nuovo metodo di gestione della Comunità, possibilità permessa soprattutto dal numero ridotto dei Capi della nuova Comunità Capi. Le sfide che il nuovo Gruppo si accingeva ad affrontare erano difficili ed impegnative, partendo dalle questioni anche più semplici, quali ad esempio le difficoltà derivanti dal trovare nuovi ed idonei locali e spazi che potessero ospitare i ragazzi. Non ci fu invece nessuna discussione riguardo la scelta dei colori del fazzolettone: questi vennero “democraticamente” imposti da una delle Capo fondatrici, Monica Pieressa, che volle fortemente che il fazzolettone del Cittadella 4 avesse lo sfondo verde e il bordo ad alto impatto visivo, scegliendo colori quali il rosa nel lato sinistro e il viola nel lato destro.

Le attività del nuovo Gruppo iniziano con il Branco Tregua dell’acqua, il Reparto Jam e la Comunità Capi composta da sei elementi; per i primi anni i Rover e le Scolte del Cittadella 4 sono aggregati al Clan Ra del Cittadella 2; risale al 1991 invece la nascita della Branca R/S col Noviziato Philia (amicizia) e, successivamente, vede la luce anche il Clan Pendragon.

Inizialmente il Cittadella 4 condivide parte della sede e del materiale col Cittadella 2, ma presto si fa strada un bisogno di indipendenza sia di spazi che di equipaggiamenti. Il Campo estivo svolto congiuntamente dai Reparti dei due Gruppi cittadellesi a Sappada, in località Piani di Cristo, evidenzia ancor più la necessità di individualità da parte di entrambi i gruppi.
Ma la sfida più difficile per un nuovo Gruppo Scout è trovare degli spazi adeguati alle attività. Dal 1991 il Gruppo viene ospitato dai frati Francescani, per passare poi nel 1993 al Patronato Pio X, prima nel bocciodromo e poi in containers di fortuna (causa lavori di ampliamento del Patronato) ed infine con la nascita del nuovo Patronato Pio X dal 2010 il Cittadella 4 ha una sede e dei magazzini propri!

Tanta strada e tanto servizio sono stati fatti in questi anni dal Campo a Lourdes del 1997 con l’aiuto ai giovani della Giornata Mondiale della Gioventù, al Pellegrinaggio a Santiago di Compostela, dal lavoro e le testimonianze sulle terre confiscate alla mafia in Sicilia alle Route a piedi, in bici o in canoa. Dai Campi di Gruppo, nel 1994 a Transacqua e nel 2007 a Giarola alle Vacanze di Branco al mare a Venezia.

Quest’anno stiamo vivendo il venticinquesimo anno della nostra storia, ma sembra quasi ieri anche se tante cose sono successe, ma il tempo dei ricordi per il Cittadella 4 non è ancora arrivato, perché è nel suo DNA guardare avanti ed affrontare le side più impegnative con il sorriso sulle labbra.

tratto da "AGESCI. Quarant'anni insieme."

Il nuovo Assessore si presenta

Ciao a tutti, sono Marina Beltrame, l'Assessore all'Associazionismo.

Molti di voi già mi conoscono, avendo per alcuni mesi già seguito questo Assessorato, ma mi faceva ugualmente piacere presentarmi e dire qualcosa di me.

Innanzitutto, vi avviso: non chiamatemi Assessore, ma semplicemente Marina, una persona come tutti voi.

Vivo questo mio incarico con un grande senso di responsabilità e impegno e per me è un vero piacere potervi rappresentare. Questa Amministrazione ha sempre dimostrato il suo totale appoggio alle realtà associative del territorio e io stessa intendo proseguire su questa strada instaurando con voi un rapporto diretto, basato sul dialogo, sul confronto e sulla fiducia così da incoraggiarvi e sostenervi nei vostri percorsi. A tal proposito, vi informo che ricevo su appuntamento generalmente tutti i Lunedì e i Mercoledì dalle 16,00 in poi oppure potete contattarmi al seguente numero di cellulare: 340.8712226.

A voi Associazioni tutto il mio plauso per il tempo, l'impegno e la professionalità messi sempre a disposizione per il bene della nostra città, apprezzata e conosciuta grazie anche al vostro prezioso contributo.

Nella speranza di potervi incontrare presto, vi saluto e vi auguro buon lavoro.

 

L'ASS.RE ALL'ASSOCIAZIONISMO
Marina Beltrame

Organizzazione Manifestazioni

attenzione-warning


Si avvisano le Associazioni interessate che per l'organizzazione di manifestazioni che prevedano l'occupazione di suolo pubblico con presenza di strutture e/o la realizzazione di pubblici spettacoli è NECESSARIO presentare la richiesta di autorizzazione al SUAP almeno 40 giorni prima dell'evento

Grazie del successone !!!!!!

A nome del Sindaco e di tutta la giunta sono a ringraziare tutte le associazioni che hanno contribuito e a rendere unica la giornata della CITTÀ dei RAGAZZI e festa del volontariato, è stata una giornata fantastica...... poco più di 1000 sono stati i bambini che hanno partecipato alle attività proposte dalle associazioni, un grazie a tutte le famiglie che ci hanno creduto.
Nel silenzio di ogni giorno c'è una grande foresta che cresce e lavora al servizio della nostra comunità ed è fatta da migliaia di volontari.
Grazie a tutti voi.


Paolo Vallotto

Educazione

Cultura

Cooperazione

Ambiente